News



PRESEPE VIVENTE,
È DI CASTEL DI SANGRO LA MADONNINA DELLA 68ESIMA EDIZIONE DEL PRESEPE VIVENTE DI RIVISONDOLI

È Maria Vittoria Di Battista 18 anni di Castell di Sangro la Madonnina della 68esima edizione del Presepe vivente di Rivisondoli. L’annuncio è stato dato a conclusione della Santa Messa celebrata nella chiesa madre del paese, San Nicola di Bari in occasione della festa dell’Immacolata concezione. Al fianco di Maria Vittoria, nel ruolo di San Giuseppe ci sarà nella sacra rappresentazione che si terrà nella Piana di Pié Lucente il prossimo 5 gennaio 2019, Luca Acconcia, 33enne di Castelvecchio Subequo. Il bambinello, che come tradizione vuole è l’ultimo nato di Rivisondoli, è Leon Monaco nato l’11 ottobre scorso. Particolare curioso è che Leon è fratello di Martin, che nel 2015 fu per pochi giorni il Bambin Gesù: partecipò alla presentazione dell’Immacolata ma nella mangiatoia di Pié Lucente fu sostituito da Samuele Ferrara che nacque proprio i primi di dicembre. Gli altri principali personaggi sono Angelica Delle Donne 16 anni di Roccacinquemiglia che vestirà i panni dell’Angelo della capanna e Agnese Sarra, romana originaria di Rivisondoli, anche lei 16enne, nei panni della Madonna dell’Annunciazione. Saranno in tutto circa 500 i personaggi che la sera del 5 gennaio animeranno le scene del presepe vivente. “Sono molto emozionata di essere stata scelta per ricoprire un ruolo così importante”, afferma Maria Vittoria Di Battista, “da oggi è fino al 5 gennaio sarà un crescendo di emozioni sapendo che questo Presepe vivente ha una fama internazionale essendo il più antico d’Italia dopo quello di Greccio realizzato da San Francesco d’Assisi”. “È la seconda volta che partecipo a questo importante evento”, spiega Luca Acconcia, “la prima come soldato romano, ora sarà molto diverso perché vestire i panni di San Giuseppe daranno tutt’altra emozione e responsabilità”. Nell’omelia il parroco Don Daniel Cardenas ha ricordato che il Presepe di Rivisondoli il più antico d’Italia realizzato la prima volta nel lontano 1951, “è stato allora un segno di rinascita di questa comunità dalle rovine della guerra ed è un segno di speranza per le generazioni future. Sono loro chiamate a portare avanti questa tradizione mentre ci accingiamo a celebrare la 70esima edizione che dovrà consolidare definitivamente questo evento sancendone l’importanza internazionale con una iniziativa che stiamo preparando”. “Il nostro Presepe è sempre una manifestazione di grande richiamo curata nei minimi particolari e che fa parte del patrimonio culturale di Rivisondoli”, ha spiegato il sindaco Roberto Ciampaglia, annunciando il treno del Presepe vivente che il 5 gennaio porterà da Sulmona a Rivisondoli centinaia di turisti. L’intera manifestazione è curata come avviene ormai da 18 anni, da Geppy Lepore. “È sempre una grande responsabilità organizzare un evento di questa portata”, spiega l’imprenditore di Roccaraso, “anche perché stiamo già lavorando alla preparazione della 70esima edizione che sarà internazionale perché coinvolgerà diverse Nazioni nel segno della Natività





Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente




La nostra Storia



Il Presepe Vivente ha una lunga tradizione ed è una delle manifestazioni più note e rinomate in campo internazionale del nostro comprensorio. Nella convinzione che, proprio perciò, costituisca il volano per lo sviluppo turistico locale, come Amministratori attenti alle sorti del nostro Comune, puntiamo molto su questa Sacra rappresentazione, che cerchiamo ogni anno di rendere unica e irripetibile. Essa è, dunque, particolarmente importante per la nostra comunità; e per me ha un significato ancora più particolare: anch'io nel 1966 ho avuto l'onore di interpretare il ruolo del Bambinello per poi contribuire a conservarla in vita, prendendovi sempre parte come comparsa e indossando per dieci volte gli abiti regali di uno dei Re Magi. Né sono le sole ragioni per cui mi sento legatissimo a questo evento che è la storia del nostro paese, il paese in cui sono nato e cresciuto e che amo al di sopra di ogni altro.

Nell'intento di recuperarne la patina e lo splendore delle edizioni migliori, abbiamo deciso di cambiare le scene e di ampliarle, di invitare a Rivisondoli illustri personaggi della politica e del mondo dello spettacolo; e devo dire che sono molto soddisfatto del lavoro che siamo stati in grado di svolgere e delle novità apportate in queste ultime edizioni. Non solo i notiziari di ambito locale, quanto pure i maggiori e più diffusi quotidiani e perfino la Rai hanno dimostrato un crescente interesse per la manifestazione.

A partire dalla 56 edizione, che credo resterà nella storia per partecipazione e innovazione, siamo ogni anno collegati per telefono ai microfoni di radio Alberta, molto seguita in Canada e negli Stati nord orientali degli U.S.A., per spiegare le novità di questo evento così importante per la nostra Regione creando un ponte virtuale fra Abruzzo e America e, rendendoli partecipi, rafforziamo i legami degli emigrati con la loro terra d'origine. L'anno scorso, insieme al rappresentante della loro Associazione a Toronto, giunto a Rivisondoli per ammirarlo, abbiamo progettato di portare oltre oceano il nostro spettacolo della Natività.

Per ora, con una Madonnina proveniente da Greccio dove San Francesco realizzò il primo presepe vivente, ci apprestiamo a celebrare il 60° anniversario dell'evento, già pubblicizzato attraverso il manifesto in cui è riprodotto un quadro del nostro concittadino Arturo Cipriani.

Abbiamo, inoltre deciso di rimarcare questo importante compleanno assegnando a Cosimo Savastano, noto studioso ed autore di pubblicazioni in vari casi dedicate al nostro territorio, il compito di realizzare una quarta edizione, dopo averne già prodotto le prime tre, del volume sul nostro Presepe vivente in una veste grafica completamente rinnovata, la cui stampa è stata affidata alle cure dell'ottimo editore abruzzese Verdone.

Savastano vi ha dedicato tutto l'impegno non solamente completando le precedenti notizie e aggiungendo la descrizione degli ultimi dieci anni, quanto pure ampliando ed approfondendo sia le particolari circostanze da cui nacque e fra cui si concretizzò l'idea di Renato Caniglia sia il complessivo quadro delle vicende storiche di Rivisondoli e delle ragioni fra cui affonda le radici la nostra rappresentazione sacra.

Il mio auspicio è che l'impegno che ogni anno dedichiamo a questa manifestazione, in cui l'Amministrazione crede molto e attorno alla quale intende far ruotare la promozione turistica della nostra cittadina, ci permetta di far apprezzare sempre di più in Italia e di fare conoscere anche oltre oceano il Presepe di Rivisondoli.

Presentazione a cura di Roberto Ciampaglia, Sindaco di Rivisondoli




Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente

Pic

Presepe Vivente


Rivisondoli

Località di Storia e Tradizione

Fiore all'occhiello per gli appassionati della montagna.



La Storia



La presenza dell'uomo durante la preistoria è dimostrata da strumenti litici ritrovati nel territorio comunale e da tratti di mura poligonali (oggi non più visibili) che furono rinvenute in località Serra Castellaccio. Non sono stati ritrovati reperti che possano attestare la presenza di un abitato in età romana. La prima citazione storica di esso risale solo al 724 ed è rappresentata da un cenno contenuto nel Diploma di Grimoaldo II duca di Benevento, che fa riferimento a un Rigu Sundulum. Tra la fine dell'XI secolo e l'inizio del XII, il paese andò acquistando la tipica fisionomia di borgo arrampicato, praticamente avvinghiato alla roccia, centrale rispetto alle aree coltivabili ed alle zone adibite a pascolo che tornavano ad essere decisive per l'economia ed il progresso sociale del luogo, il quale, finita l'epoca delle invasioni, cominciava di nuovo a fiorire grazie alla ripresa della transumanza. Il nucleo del borgo arroccato che sempre di più si sviluppò dal '300 in poi è ancora oggi evidente e presenta una struttura urbana raccolta, con edifici che s'affacciano su un sistema viario reticolare originario, fatto di stradine a scalinate che assecondano perfettamente il ritmo del pendio, e provvisto di un particolare tipo di cinta muraria (case a schiera). Nacque in quel periodo la primitiva ed ormai scomparsa chiesa parrocchiale di Santa Maria a Fonte o dell'Ospedale. Essa si ergeva di fianco all'albero della fonte, un olmo altresì non più esistente, che si riteneva prova dell'origine longobarda del comune, ed alla piccola ma monumentale fontana che oggi è l'unica superstite vestigia dell'antica parrocchia. La storia del paese continuò più o meno tranquilla durante i secoli fino agli albori del '700, in cui si consolidò anche l'Università, di tipo feudale (baronia), che appartenne ai Cantelmo di Popoli fino all'estinzione di questa grande famiglia. Il feudo venne poi alienato dagli eredi in via femminile di Giuseppe, l'ultimo dei Cantelmo, passando per lungo tempo da un "padrone" all'altro: prima ad Antonio Marchesano, poi a Pompeo Scala e da questi a Tarquinio Rosato che lo alienò a Fabrizio Mellucci originario di Capua il quale dopo averla acquistata nel 1623 per 18.000 ducati fu costretto a svenderlo ai Sardi di Sulmona, che governarono Rivisondoli fino all'epoca napoleonica. La tranquilla vita del piccolo centro venne però turbata dai terremoti del 1703 e del 1706, che determinarono il crollo della gran parte delle costruzioni; nonostante ciò la popolazione non si perse d'animo e ricostruì il paese dalle fondamenta, dimostrando una determinazione che si manifestò anche dopo il rovinoso incendio del 1792 ed il catastrofico terremoto del 1915. Un altro stravolgimento di non lievi proporzioni fu l'abolizione del regime feudale, che contribuì a liberare ulteriormente le forze produttive e l'intraprendenza della popolazione e a far virare l'economia della pastorizia transumante a quella della pastorizia stanziale, che favorì la nascita di un ceto di contadini e pastori agiati. Tra la fine dell'800 e l'inizio del '900 cominciò un'altra fase ancora, con l'inserimento sulla linea ferroviaria Sulmona-Isernia e l'arrivo di Re Vittorio Emanuele e della sua famiglia, che nel 1913 furono ospitati nell'elegante edificio ottocentesco dell'Albergo degli Appennini, attualmente conosciuto come Residenza Reale. La venuta dei reali contribuì a fare diventare Rivisondoli una delle più note stazioni sciistiche e favorì l'arrivo di sempre maggiori quote di turisti ed appassionati della montagna.



Luoghi d'interesse



Ancora visibili le porte che consentivano l'accesso al borgo: la quattrocentesca Porta Antonetta e la porta nei pressi di Palazzo Sardi, nonché la cosiddetta Porta di Mezzo.

Eventi bellici e tellurici (come il terremoto del 1915) hanno cancellato per sempre molte evidenze storico-artistiche, ma hanno risparmiato tuttavia importanti testimonianze architettoniche quali il Palazzo Baronale, la bella e settecentesca chiesa del Suffragio e la chiesa di Sant'Anna; quest'ultima, restaurata nel 2013, è la cappella annessa al palazzo Baronale e internamente ospita un altare barocco in stucco.

Da ricordare inoltre, per la sentita devozione cui si rivolgono le popolazioni dell'altopiano, è il santuario della Madonna della Portella,la chiesa di San Nicola di Bari. Fra gli altri edifici di valore storico-architettonico vi sono alcune "case" settecentesche (Casa De Capite, Casa Torre, Casa Romito, Casa Caniglia, Casa Gasparri, Casa Ferrara, Casa Notar Grossi), caratterizzate da portali con elementi anche molto particolari, incorniciati da fregi in pietra finemente lavorata e in alcuni casi anche da "vignali", tipici pianerottoli con scala prospicienti l'ingresso, e da balconi e terrazzini che fanno registrare la presenza di accurati lavori in ferro.

La chiesa parrocchiale, dedicata a San Nicola di Bari, è in stile neoromanico e venne costruita nel 1931 in luogo della precedente. Esternamente, è caratterizzata dal campanile e dalla facciata, nella quale si apre un'ampia trifora; all'interno, presenta una pianta a croce latina, con tre navate, e sono visibili alcune decorazioni in stucco barocche nella cupola e, nei transetti, altari in marmi policromi.


Pic

Rivisondoli

Pic

Rivisondoli

Pic

Rivisondoli

Pic

Rivisondoli


Galleria Fotografica



La Galleria si compone di foto rappresentative degli scorsi eventi.

Selezionate con cura per una migliore visualizzazione e archiviazione storica.









Le scene del Presepe



Rappresentazione fotografica delle scene più importanti del Presepe Vivente.
Vengono esposte in maniera cronologica, tutte le scene.


Pic

San Francesco

Pic

L'Annunciazione

Pic

L'Annunciazione

Pic

L'Annunciazione

Pic

Elisabetta e Maria

Pic

Elisabetta e Maria

Pic

Il dubbio assale San Giuseppe

Pic

Il dubbio assale San Giuseppe

Pic

Il Profeta

Pic

Il Fabbro

Pic

Il Fabbro

Pic

I Romani

Pic

I Pastori

Pic

I Pastori

Pic

Il Viaggio

Pic

Il Viaggio

Pic

Il Viaggio

Pic

La Nascita

Pic

La Nascita

Pic

La Cavalcata

Pic

La Cavalcata

Pic

I Pastori verso la capanna

Pic

I Pastori verso la capanna

Pic

I Re Magi

Pic

I Re Magi

Pic

I Re Magi

Pic

Scena Finale

Pic

Scena Finale




Galleria Storica



Testimonianze storiche del passato e del presente. Dal lontano 1952 ad oggi, riproponiamo il nostro Presepe Vivente come atto di fede nel tempo.


Pic

1952

Pic

1953

Pic

1954

Pic

1956

Pic

1958

Pic

1959

Pic

1960

Pic

1961

Pic

1962

Pic

1964

Pic

1965

Pic

1967

Pic

1968

Pic

1970

Pic

1971

Pic

1972

Pic

1973

Pic

1974

Pic

1975

Pic

1976

Pic

1977

Pic

1978

Pic

1980

Pic

1984

Pic

1986

Pic

1987

Pic

1988

Pic

1989

Pic

1990

Pic

1991

Pic

1992

Pic

1993

Pic

1994

Pic

1995

Pic

1997

Pic

1998

Pic

1999

Pic

2000

Pic

2001

Pic

2002

Pic

2003

Pic

2004

Pic

2005

Pic

2006

Pic

2007

Pic

2008

Pic

2009

Pic

2010


Contatti



Utilizza i numeri qui presenti, per eventuali contatti o chiarimenti riguardo l'evento.
Per maggiori informazioni fare riferimento ai seguenti numeri informativi.



Uffici Stampa e Comunicazione OMNIA.
Email: coopomnia90@gmail.com---info@presepeviventerivisondoli.it

Mob. +39 333.1270041; +39 3388166222;


Mappa